(Photo by MIGUEL MEDINA / AFP)

Il “Derby della Madonnina” tra le prime della classe

Era da parecchi anni che non si assisteva a un “Derby della Madonnina” tra Milan e Inter di un’importanza tale in termini di classifica. Ebbene sì, il derby di domenica tra le due milanesi che guidano momentaneamente la classifica di Serie A giocherà un ruolo significativo sull’esito finale del campionato.

I “Derby della Madonnina” nella stagione in corso

Milan e Inter si sono affrontate recentemente nei quarti di Coppa Italia con i nerazzurri che hanno superato il turno battendo i “diavoli” in rimonta per 2 reti a 1. La sfida vide protagonisti nel bene e nel male i due giocatori più rappresentativi: Zlatan Ibrahimovic e Romelu Lukaku.

Al gol di Ibra replicò Lukaku su rigore, ma quel che fece scalpore fu anche la lite (quasi rissa) e le parole offensive che volarono tra i due verso la fine del primo tempo. Zlatan venne in seguito espulso per doppia ammonizione lasciando il Milan in 10 e i nerazzurri ne approfittarono segnando nei minuti finali grazie ad una gran punizione del danese Eriksen.

In campionato, nella sfida d’andata il Milan si impose sui nerazzurri in un match che vide ancora protagonisti assoluti Ibrahimovic, autore di una doppietta, e Lukaku che siglò il definitivo 2 a 1.

Milan – Inter (21.02 – Ore 15:00): DAZN

Lo stato di forma delle due squadre

I due tecnici sanno bene che una vittoria nel derby, pur dando una grande iniezione di fiducia e una spinta verso la vittoria finale, non puó essere considerata decisiva in quanto le due squadre avranno di fronte ancora ben 15 giornate ed é facile perdere punti strada facendo.

Al momento l’Inter, che ha guadagnato la vetta della classifica durante l’ultima giornata di campionato, ha un solo punto di vantaggio sui rossoneri, mentre dietro Roma, Juventus e Napoli faticano a tenere il passo della capolista.

Il Milan ha raccolto 9 punti nelle ultime 5 partite vincendo contro Cagliari, Bologna e Crotone, mentre le due sconfitte avvenute contro Atalanta e Spezia devono far riflettere in quanto maturate in maniera netta con zero gol all’attivo e con un gioco stentato.

Sembra, infatti, che la sconfitta casalinga con la “Dea” e la successiva eliminazione dalla Coppa Italia abbiano messo in risalto il fatto che il tecnico Pioli non goda di una rosa così ampia come quelle delle contendenti, Inter e Juventus su tutte. La squadra é apparsa stanca e sempre più Zlatan-dipendente. Da sottolineare che nelle ultime 5 partite di campionato i gol dei rossoneri sono stati siglati solamente da Ibra, Rebic e Kessie.

L’Inter di Conte ha un grande “vantaggio” fino al termine della stagione: quello di potersi concentrare esclusivamente sul campionato, essendo fuori dalle altre competizioni. Questo risulta, peró, essere “un’arma a doppio taglio” in quanto, se da una parte i nerazzurri non avranno altre distrazioni derivanti dalle Coppe, dall’altra, un mancato successo in campionato farebbe sprofondare la stagione nerazzurra in una delle più negative.

In ogni caso, i nerazzurri hanno ottenuto ben 13 punti nelle ultime 5 partite, battendo in maniera netta squadre del calibro di Juve e Lazio. Inoltre, detengono l’attacco più prolifico del campionato avendo segnato ben 54 gol in 22 partite.

Romelu vs. Zlatan e non solo

La classifica dei marcatori di Serie A parla in maniera chiara ed intuitiva. Domenica a San Siro si affronteranno due cannonieri che hanno già segnato insieme ben 30 gol in campionato: 16 per Lukaku che é in testa alla classifica dei marcatori insieme a CR7, e 14 per Ibrahimovic che ha raggiunto Immobile al terzo posto.

Come detto in precedenza, gli ultimi “Derby della Madonnina” li hanno visti protagonisti assoluti e siamo certi che anche domenica i due attaccanti regaleranno gol e spettacolo ai propri tifosi. Da non sottovalutare l’ottima condizione di Lautaro Martinez che ha raggiunto quota 11 gol in campionato.

Sponda rossonera il tecnico Pioli, che farà riposare tutti gli attaccanti titolari nella partita di Europa League di stasera contro la Stella Rossa, dando spazio dal primo minuto a Mario Mandzukic, per il derby é orientato a schierare sulla linea della trequarti Saelemaekers, Calhanoglu e Leao, in vantaggio sul croato Rebic.

Dove guardare il derby di Milano?

É iniziato, dunque, il countdown per il derby di Milano che verrà trasmesso in diretta TV domenica 21 febbraio alle 15:00 sulla piattaforma digitale DAZN. In collegamento con San Siro già dalle 14:30 con il pre-partita che vedrà protagonisti Diletta Leotta e Federico Balzaretti. La telecronaca del big-match con inizio alle ore 15 sarà affidata a Pierluigi Pardo e a Francesco Guidolin.

Inoltre, durante tutta la settimana, andranno in onda su DAZN, alcune repliche dei “derby della Madonnina” più belli e significativi, con interviste e contenuti originali.

Venerdì 19 andranno in onda sempre su DAZN due interviste esclusive da non perdere: quella con Theo Hernandez, terzino rossonero con il vizio del gol, e quella con il centrocampista dell’Inter e della Nazionale azzurra Barella intervistato da Diletta Leotta.

Se desideri ricevere maggiori informazioni sulla programmazione TV di DAZN e raggiungere il sito clicca qui.

Buon divertimento con il Derby di Milano!