18

Il Derby di Madrid e i big match in campo europeo

Dalla Liga alla Bundesliga, alla Premier League, il weekend di calcio internazionale propone tre “big match” in campo europeo.

In Spagna, sabato 1 febbraio alle 16,00 allo stadio Bernabeu andrà in scena il tanto atteso “Derby di Madrid” tra Real e Atletico che verrà trasmesso su DAZN, per permettere a tutti gli appassionati di seguire le emozioni che da sempre regala questa storica sfida.

In Bundesliga stiamo assistendo ad un campionato molto equilibrato, dopo anni di egemonia del Bayern Monaco, e così il match tra il Lipsia, primo in classifica, e il Monchengladbach, attualmente terzo staccato di soli 2 punti, diventa una di quelle partite che potrebbero segnare il cammino delle due squadre nella stagione in corso. Sabato 1 alle ore 18,30 alla Red Bull Arena di Lipsia potremo assistere ad un match che si presuppone possa regalare spettacolo e fomentare la lotta per il primato in classifica. La partita verrà trasmessa in diretta TV su Sky Sport Arena.

Infine in Premier, domenica 2 alle 17,30 si giocherà Tottenham – Man City, e nonostante la posizione in classifica non proprio felice degli Spurs, le diverse strategie e visioni di gioco di Mr. Mourinho e di Guardiola la rendono una sfida piena di fascino e senza esclusione di colpi. Il match sarà trasmesso in diretta su Sky Sport Football.

Real Madrid – Atl. Madrid si gioca al Bernabeu

Il “Derbi madrileño”, sia quando si è giocato in campionato che quando è andato in scena nelle Coppe, è sempre stato un match sentitissimo in Spagna come nel resto del mondo, e anche se quest’anno l’Atletico appare una squadra in difficoltà ben lontana da quella vista nelle ultime stagioni, i “colchoneros” vorranno lasciare un impronta importante al Bernabeu, facendo uno sgambetto ai “cugini”, attualmente primi in classifica.

I “Blancos”, dopo un inizio in Liga e in Champions League non eccessivamente esaltante, sono riusciti, grazie anche alle capacità di Zidane, ad applicare un gioco semplice e veloce che esalta le caratteristiche dei propri giocatori e l’inserimento di molti giovani nella formazione titolare, come ad esempio i brasiliani Rodrygo e Vinicius (appena diciannovenni). Anche l’uruguaiano Valverde è diventato una pedina importante del centrocampo del Real Madrid e insieme a stelle del calibro di Modric, Casemiro, Isco, Kroos inventano giocate magnifiche, anche a supporto del fortissimo attaccante Benzema, punta centrale inamovibile nell’attacco di Zizou. Anche in fase difensiva il Real ha trovato un’ottima solidità ed equilibrio, grazie a Varane e al capitano Sergio Ramos.

coreograffia bernabeu big match
Estadio Santiago Bernabeu di Madrid

L’Atletico Madrid, come detto in precedenza, sta riscontrando grosse difficoltà nell’esprimere il proprio gioco. Dopo un mercato estivo attivo sul piano delle compravendite, sembra che Simeone non sia, almeno finora, riuscito ad impartire le proprie strategie di gioco ai nuovi. L’acquisto della giovane stella portoghese Joao Felix e la partenza di Griezmann non hanno apportato gli effetti sperati, infatti, pur mantenendo la propria porta inviolata in molti match e subendo solo 14 gol, la fase offensiva dei “colchoneros” ha prodotto appena 22 gol in 21 partite. Con Diego Costa infortunato, è compito di Morata e Felix, con a supporto Saul, Correa, Thomas e Koke provare a scardinare le difese avversarie. Dopo la scottante eliminazione in Copa del Rey ad opera della Leonesa, squadra di Segunda Division, e il pareggio casalingo in Liga a reti inviolate contro il Leganes, ultimo in classifica, Diego Simeone dovrà inventare qualcosa di importante se non vorrà subire un passivo cospicuo dai cugini del Real.

Dopo la finale di Supercoppa di Spagna, vinta dal Real ai rigori, la voglia di rivincita dell’Atletico renderà ancora più emozionante il match. I bookmaker danno sicuramente il Real come favorito per la vittoria, ma “un Derby è sempre un Derby” e anche quello di Madrid farà storia a sé!

RB Lipsia – Bor. Monchengladbach

La ventesima giornata di Bundesliga propone in calendario una sfida avvincente tra la prima, il Lipsia, e la terza in classifica, il M’Gladbach.

I risultati un po’ altalenanti delle due squadre, che si sono susseguiti prima e dopo la pausa invernale, hanno fatto in modo che sia il Bayern Monaco sia il Borussia Dortmund si riavvicinassero alla vetta, delineando anche per loro una seconda parte di stagione avvincente, in una “Bundes” che non è mai stata così equilibrata per il successo finale.

Il Lipsia ha perso l’ultimo match di campionato giocato a Francoforte contro l’Eintracht, in un match equilibrato nel quale, sotto di un gol, non sono bastate le giocate degli attaccanti Werner, Schick e Haidara per cambiare le sorti dell’incontro.

(Photo by Ronny Hartmann / AFP)

Il Gladbach, dopo un inizio di stagione scoppiettante, ha ottenuto solo 5 punti nelle ultime 5 partite e questi risultati hanno permesso il recupero del Bayern, ora secondo, che ha fatto nel frattempo bottino pieno di 15 punti. I precedenti nelle ultime due stagioni hanno visto il Lipsia sempre vincitore contro il Borussia, pertanto i “Bullen” avranno la possibilità di allungare la striscia positiva e guadagnare in campionato un certo margine sugli avversari.

Tottenham – Man City. Mou affronta Pep

I big match in campo europeo che si giocheranno nel weekend non finiscono qui. In una Premier League dominata da un Liverpool ancora imbattuto che ha inanellato 22 vittorie su 23 partite, il Tottenham di Mourinho affronta i “Citizens” di Guardiola, attualmente secondi in classifica.

Gli Spurs arrivano a questa partita con una visione ridotta rispetto alle ambizioni di inizio stagione. Mourinho, che pochi mesi fa ha sostituito Pochettino in panchina, ha avuto un ruolino di marcia non soddisfacente, anche a causa di assenze importanti, una su tutte quella dell’attaccante Kane, che rientrerà solo verso la fine della stagione. Anche la recente cessione di un giocatore importante come il centrocampista danese Eriksen all’Inter non aiuterà di certo il Tottenham a migliorare la propria classifica.

(Photo by MICHAL CIZEK/ODD ANDERSEN / AFP)

Il Man City, reduce dalla vittoria di misura ottenuta contro lo Sheffield fuori casa, proverà a fare la partita e a portare a casa tre punti pesanti. Guardiola non avrà a disposizione l’attaccante Mahrez e i difensori Laporte e Cancelo. Nonostante ciò, dovrebbe utilizzare il suo attacco stellare formato da Sterling, Bernardo Silva e naturalmente dal “Kun” Aguero, mentre Gabriel Jesus dovrebbe accomodarsi in panchina almeno inizialmente. La fase offensiva del City è la più prolifica d’Europa avendo segnato ben 65 gol in 24 partite, anche grazie alla qualità superlativa del centrocampo composto da giocatori del calibro di De Bruyne, David Silva, Fernandinho, Gundogan e il giovane Rodri, diventata pedina fondamentale nelle strategie di Pep.


Gli appassionati di calcio internazionale saranno sicuramente felici di seguire i tre match descritti ed emozionarsi con le spettacolari giocate dei propri campioni, con la certezza che il prossimo sarà un weekend di grande calcio.