Quantcast
internazionali italia

Gli Internazionali BNL d’Italia al Foro Italico di Roma

Roma si prepara ad accogliere le stelle mondiali del tennis con l’annuale appuntamento degli Internazionali BNL d’Italia che si svolgeranno dall’8 al 16 maggio al Foro Italico. Questa sarà la 78ª edizione della più importante manifestazione tennistica che si svolge ogni anno in Italia.

Con un grande sforzo da parte dell’organizzazione e della Città di Roma, il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera per il ritorno del pubblico sui campi del Foro Italico i cui spalti si riempiranno, per gli incontri che vanno dagli ottavi di finale in poi, del 25% della loro capienza massima.

Gli azzurri al via al Foro Italico

Saranno ben 11 i tennisti azzurri che parteciperanno agli Internazionali BNL d’Italia, dei quali 8 in campo maschile e 3 in quello femminile.

Oltre, infatti, a Matteo Berrettini, Jannik Sinner, Fabio Fognini e Lorenzo Sonego entrati di diritto in tabellone principale, verranno consegnate le wild card a Stefano Travaglia, Salvatore Caruso, Lorenzo Musetti e Gianluca Mager. Stessa sorte in campo femminile dove Camila Giorgi, Martina Trevisan e Elisabetta Cocciaretto disporranno delle wild card.

Berrettini e Sinner sono al momento impegnati nel Masters 1000 di Madrid, al quale hanno partecipato anche Cecchinato e Fognini che sono stati già eliminati.

Grande attesa dunque per le prestazioni che potranno mostrare in campo i due migliori tennisti italiani presenti nel Ranking ATP, per Fabio Fognini che pur non attraversando un ottimo momento di forma rimane una mina vagante nel torneo di casa, e per il giovane Lorenzo Musetti che in pochi mesi ha raggiunto ottimi livelli.

In campo femminile le ambizioni sono sicuramente ridotte anche se le tre tenniste presenti in tabellone potrebbero superare i primi turni per poi giocarsi al meglio le loro carte dagli ottavi in poi.

Le stelle in campo e i favoriti

Gli Internazionali BNL d’Italia vedranno la partecipazione dei primi 7 tennisti del Ranking ATP: Djokovic, Nadal, Medvedev, Thiem, Tsitsipas, Zverev e Rublev si daranno battaglia per aggiudicarsi l’ambito trofeo.

Unico grande assente tra i migliori tennisti al mondo sarà Roger Federer ancora alle prese con l’infortunio. Al suo posto sarà l’argentino Schwartzman ad occupare l’ottava posizione come testa di serie.

Djokovic e Nadal rimangono i favoriti sulla terra rossa del Foro Italico anche se le ultime strabilianti performance di Medvedev e Tsitsipas potrebbero creare qualche sorpresa per la vittoria finale.

Da sottolineare il rientro nei tornei da parte dell’austriaco Thiem, numero 3 del Ranking, che dopo l’infortunio accorso a metà marzo é tornato in campo nel Masters 1000 di Madrid e sarà regolarmente presente anche a Roma.

Record e vittorie agli Internazionali BNL d’Italia

Il record di vittorie agli Internazionali d’Italia é detenuto attualmente da Rafael Nadal che ha vinto ben 9 volte il torneo delle quali 3 consecutive tra il 2005 e il 2007. L’ultimo trofeo alzato a Roma dal campione spagnolo risale all’edizione del 2019.

Alle spalle di Nadal, tra i tennisti che parteciperanno all’edizione di quest’anno, troviamo il campione in carica Novak Djokovic che é riuscito ad aggiudicarselo ben 5 volte. Grazie al primo successo avvenuto nel 2008 ha interrotto quella che era diventata per gli spettatori una consuetudine sul campo del Pietrangeli, vedere trionfare Nadal.

Come anticipato, tra i tennisti al via della 78ª edizione degli Internazionali BNL d’Italia ci sarà anche Alexander Zverev che ha già vinto a Roma nel 2017 battendo in finale proprio Djokovic con il punteggio di 6-4, 6-3.

Dove guardare gli Internazionali BNL d’Italia in TV?

Gli Internazionali verranno trasmessi in diretta TV a partire da domenica 9 maggio sui canali Sky dedicati che ogni giorno trasmetteranno le sfide più importanti.

Anche il canale SuperTennis trasmetterà in diretta molti incontri del tabellone femminile, mentre Mediaset é riuscita ad ottenere il diritto di trasmettere in chiaro un match al giorno sul canale 20 con il commento tecnico di Francesca Schiavone.